Un bicchiere di latte, per favoretaste it

Herbjørg Wassmo

Un bicchiere di latte, per favore

Dorte non ha mai sognato grandi avventure.

Ha quindici anni e vive nel cuore della campagna lituana.

I suoi desideri sono ancorati alla realtà e parlano di Nikolai, figlio del panettiere, salvo abbandonarsi a volte ai ricordi del padre, morto tempo prima ma rievocato fino a sembrare reale. E poi c’è il sogno più pressante, quello che permetterebbe alla madre e alla sorella un goccio di serenità: sarebbe bello, pensa Dorte, essere un po’ meno povere.

Così, quando in modo del tutto inaspettato si presenta la possibilità di andare a Stoccolma per lavorare in un caffè, Dorte accetta. Sale sul retro di un’Audi, che viaggia attraverso la Lituania. Un’Audi i cui finestrini non si possono aprire, e non si apriranno.

L’ultimo romanzo di Herbjørg Wassmo ci offre una lettura così potente da essere quasi dolorosa: un capolavoro letterario sulla perdita della speranza, sui sogni e sulla sopravvivenza, in cui la più cruda descrizione realistica diventa un tutt’uno con la più sottile percezione soggettiva.

Collana "Paprika” - 406 pp. | € 19,50